QrCode e Marketing Innovativo

Il QrCode si sta affacciano anche in Italia.
Molti sono gli esempi in cui ci si può imbattere e purtroppo molti sono gli esempi di uso errato.
In questo articolo vi presentiamo la nostra idea relativamente ai QrCode ed al loro utilizzo più efficace.

Il QRCode (un codice a barre bidimensionale) si sta piano, piano facendo largo nel mondo del digital marketing. Testate famose quali la Gazzetta e Panorama hanno già da tempo adottato questo strumento per collegare sezioni del giornale con contenuti internet. Sfortunatamente, i tentativi sin qui effettuati, sono sembrati più un gadget tecnologico che lo sforzo di creare un nuovo modello di comunicazione.

Per capire le reali potenzialità del qrcode, ancora una volta, è necessario uscire dall'ambito tecnologico ed entrare in quello più strettamemente comunicativo e di processo: settori in cui Concept.by risulta avere una marcia in più rispetto ai suoi diretti competitor.

In primis il qrcode vuole rappresentare il punto di congiunzione tra il mondo reale (quello che tocchiamo con mano) ed il mondo virtuale rappresentato dalle strutture dati di un server. Ecco quindi che questa tecnologia può essere utilizzata per implementare la realtà aumentata per esempio (associando un contenuto virtuale ad uno concreto), per abilitare alla geolocalizzazione dispositivi che ne sono sprovvisti (il qrcode può rappresentare un luogo a partire dal quale erogare contenuti), per rendere interattivo ciò che non lo è (il qrcode è associato ad una funzione).

Unire ciò che è virtuale e ciò che non lo è, ha come effetto di poter trasferire le caratteristiche proprie di un mondo nel suo duale: per cui un cartellone pubblicitario (elemento del mondo reale) può diventare clickabile (tipica azione del mondo virtuale). Allo stesso modo posso trasferire caratteristiche fisiche nel mondo virtuale.

In sintesi il qrcode può rappresentare:

  • contenuti,
  • informazioni,
  • funzioni,
  • capacità interattiva.

Oggi siamo fermi al primo di questi livelli.
Il livello di sovrapposizione dei due mondi (quello reale e quello virtuale) che si può creare è solo legato alla fantasia ed alla creatività di chi pensa la soluzione.

Chiarito questo punto non resta che trasformare il qrcode in un operatore dei nostri modelli di rappresentazione dei processi per poterlo applicare efficacemente nelle più disparate soluzioni dall'ambito consumer a quello enterprise:

  • disegno il qrcode sulle tovagliette di un bar per distribuire in qualisasi momento il menu del giorno che ho preventivamente caricato la mattina: non si abbattono più alberi e aggiornato in un punto risulta aggiornato ovunque
  • nelle mail/report/presentazioni aziendali posso far viaggiare qrcode al posto dei link in modo che quando si fa riferimento a dati o documenti esterni tramite il qrcode chiunque dei partecipanti li possa visualizzare durante la discussione senza necessità di computer
  • allo stesso modo posso marcare i vari punti di approvazioni di un workflow complesso tramite opportuni qrcode e dalla richiesta e dalla verifica del numero di cellulare ho la conferma dell'identità dell'utente e della sua risposta senza fargli scrivere nulla (questa è semplificazione!).

Magari un giorno, quando ci chiederanno lo stato di famiglia, basterà mostrare un qrcode e tutto sarà fatto. Chissà?

Se vi state domandando come semplificare l'interazione all'interno dei vostri processi o come utilizzare i qrcode, contattateci scrivendo su info@concept.by.



Tag correlati:

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, sono utilizzati cookie tecnici e cookie di terze parti e non cookie di profilazione.
Alla pagina privacy avere maggiori dettagli ai sensi dell'art. 13 del Codice della privacy.
Cliccando su 'Accetto' i cookie saranno attivati Accetto